Contenuto principale

Messaggio di avviso

Dal 2 giugno 2015 entra in vigore la COOKIE LAW. Il Garante per la Protezione dei dati Personali ha pubblicato il provvedimento nr. 229 inerente la “individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie”. Il sito www.utlvallelambro.it utilizza cookie tecnici e analitici. Per maggiori informazioni selezionare il link seguente. Informativa sui cookies

CORSI CON INIZIO A MARZO

Il libro - Il vecchio ciliegio di Manhattan

Lorenzo Colombo è un uomo di successo, a soli trentacinque anni ricopre la posizione di alto dirigente in una delle più potenti multinazionali informatiche americane. Da anni vive e lavora a Manhattan dove frequenta Coline, una pittrice francese. Juliet Gray è una detective della Polizia di New York. È famosa per la bravura investigativa e il proprio capo, responsabile di uno dei più importanti distretti nel quartiere di Manhattan, l’ha già indicata come prossimo suo successore. A New Delhi un centro di ricerca in avanzate tecnologie informatiche indaga su un potente virus che tenta di propagarsi nei siti più delicati nel mondo, il primo ad essere colpito è proprio quello di Lorenzo …

Il romanzo è ricco di digressioni su ambienti e soprattutto culture che spesso si incontrano e si altercano nelle loro peculiari diversità.

L’autore - Enrico Casartelli

enrico casartelliÈ nato in Brianza nel ’55. Sposato e con due figli, attualmente vive a Mariano Comense in provincia di Como. Ha lavorato in una multinazionale americana per 23 anni dove ha ricoperto vari ruoli manageriali e commerciali nell’area dei servizi informatici e nella formazione. Attualmente è libero professionista, alterna attività commerciali con consulenza e docenza in marketing e comunicazioni web, gestione del personale e tecniche di vendita.Laureato in Ingegneria Elettronica è rimasto legato al mondo accademico dove nel passato ha tenuto interventi di Gestione Progetti ed è stato Responsabile Commerciale per Master Post Universitari.

(Profilo professionale in Internet – Linkedin).

Autore di più articoli in Internet riguardanti argomenti di vendite e gestione risorse umane, è redattore in AgoraVox, (rubrica costumi, società e tecnologie).

Ha pubblicato:

  • nel 2013 il romanzo “La vita in una conchiglia” (Editore Sensoinverso)
  • nel febbraio 2015 “Un nove corre in internet” (Robin Edizioni)
  • nel maggio 2016 “Il vecchio ciliegio di Manhattan” (Robin Edizioni)

NORDIC WALKING

PER UNA BUONA QUALITA’ DELLA VITA

nord walking 1Serata di presentazione del “Nordic Walking”, quella dello scorso 14 febbraio nella sede dell’UTL da parte di Marco Gatti, triuggese,istruttore della Scuola Italiana di Nordic Walking, (la camminata con i bastoncini). Nella presentazione di questo sport, ormai praticato da molte persone ,il relatore ha illustrato come “l’uso dei bastoncini consente una forma corretta di camminare, a cui si aggiunge una vita sana.”Scoperto nel 1997 si esegue in qualunque tipo di terreno, anchenord walking 2 sull’asfalto,dove però, il bastoncino tende a scappare via, scivolare, meglio è camminare su un fondo omogeneo, con una moderata pendenza, non in salita ripida o discesa repentina. Gatti osservava poi come i vantaggi e benefici di questo sport vanno ricercati, nella camminata naturale che si tende a favorire, il miglioramento della postura, fa bene al cuore e alla circolazione, utilizza e allena tutti i muscoli favorendo il consumo dei grassi. Altro vantaggio va ricercato nel fatto che i muscoli si utilizzano al 90%, e vengono coinvolti gli arti inferiori,il tronco,gli arti superiori, e si alleggerisce il carico sulle articolazioni. Diceva poi Gatti in conclusione della serata, dopo le varie domande poste da un pubblico attento e numeroso”occorre imparare bene la coordinazione, fare un corretto uso delle braccia durante la camminata”

Il corso base si sviluppa in 5/6 ore - Per ulteriori informazioni - www.scuolaitaliananordicwalking.it

 

 Leonardo e le dodici pietre del Paradiso

leonardo e le 12 pietre del paradiso 1"Il Cenacolo di Leonardo giunto a noi è stato finito nel 1498, non è un affresco, è un dipinto". Così diceva Elisabetta Sangalli, giovedì sera 1 Dicembre scorso, alla presentazione del suo libro "Leonardo e le dodici pietre del Paradiso" davanti ad un pubblico numeroso, molto attento,presso la sede dell'UTL . Sia nella presentazione che nella introduzione del libro, l'autrice diceva"preparando una presentazione sul capolavoro vinciano delle Grazie , ho focalizzato un giorno lo sguardo sulle pietre preziose dipinte da Leonardo all'altezza della scollatura del Cristo". Ancora l'autrice rilevava che "nel dipingere il Cenacolo, opera finita in ogni dettaglio e ricca di molte descrizioni, l'artista non lasciò nulla al caso .Per quale motivo Leonardo dipinse le pietre e da dove ne attinse l'iconografia? Quale messaggio voleva comunicare,e con quale criterio selezionò i minerali quando scelse di associarli agli apostoli e al divin Maestro?"Elisabetta Sangalli, che è docente all'UTL di Triuggio in Storia dell'Architettura, riferiva che la sua ricerca ha portato a scoprire che solo due pietre sono state conservate, le altre sono andate perdute e "il mio è stato un lavoro di ricostruzione e di confronto per tutte le gemme, e il dettaglio delle pietre preziose non è mai stato studiato." La iconografia delle pietre è di origine biblica, Leonardo non se le inventò, poichè le pietre rappresentano le dodici tribù di Israele, e gli apostoli sono i rappresentanti di queste, aleonardo e le 12 pietre del paradiso 2 partire da Pietro,ma Leonardo ne dipinse otto. " Resta da chiarire- diceva l'autrice- con quale criterio l'artista scelse gli apostoli ai quali associare le pietre. La motivazione va ricercata con ogni probabilità nell'aspetto compositivo dell'opera: essendo tredici i personaggi del Cenacolo e solo otto i pianeti, privando delle rispettive pietre oltre a Giuda, Pietro e Tommaso, anche Bartolomeo e Taddeo, la mancata associazione risulta meno evidente data la posizione più laterale dei due apostoli nell'impianto figurativo del dipinto". L'autrice concludeva dicendo"il tema resta aperto a ulteriori studi che faranno emergere nuove verità".

 

 

Inaugurazione anno accademico 2016-2017


inaugurazione anno accademico 2016 2017 1Presentato ieri sera 7 ottobre il nuovo anno accademico dell'UTL Valle del Lambro"Carlo Tremolada. Da parte del presidente  Rodolfo Suma si diceva che" dall’inizio del corrente mese di settembre 2016 viene pubblicato sul nostro sito il calendario accademico 2016/2017, in costante aggiornamento da parte del Rettore  e oggi  di fatto inizia il settimo  anno della nostra attività. Anche quest’anno il  numero dei corsi è stato  incrementato e ci auguriamo che l’operato del nostro Rettore, possa trovare il consenso avuto negli anni precedenti.Nel corso dell’anno sono previste altre iniziative che verranno pubblicate sul sito dell’Associazione.  Nell’anno appena trascorso, ricordo le varie iniziative collaterali alla tenuta dei corsi accademici, per i quali sentiremo la prof.Zolesi".Si ricordava quindi le    diverse iniziative effettuate lo scorso anno. Da parte sua il Rettore Rosanna Zolesi presentava i nuovi corsi programmati per l'anno che va ad iniziare e la mostra inaugurata appunto ieri sera dal titolo “Triuggio nel mondo”  organizzata dalla pro- Loco Triuggio e da diverse associazioni del nostro territorio, da Acli a Nigeria 2000, da Fondazione  Virginio e maria,dal Comitato Gemellaggi Triuggio a Caritas, da Let'Go a Oftal, Polisportiva Triuggese, Centro Giovani e Poesia a Triuggio Marching Band.  Tutte associazioni inaugurazione anno accademico 2016 2017che hanno portato in giro per il mondo il nome della città di Triuggio, ciascuno nel suo campo di azione. Il sindaco di Triuggio Pietro Cicardi ha rimarcato la importanza di questa mostra dove vengono coinvolte molte associazione che operano a Triuggio,e ha sottolineato l'importanza dell'UTL Valle del Lambro e il suo ormai consolidato fare cultura a disposizione di tutti.Il presidente Suma nel ringraziare tutti gli intervenuti ricordava  la segreteria dell’Università del Tempo Libero della Valle del Lambro-Carlo Tremolada – resterà aperta tutti i giorni, da lunedì a venerdì,  dalle ore 14,30 alle ore 17.
                                                               

Rosanna Zolesi                                                                                             Rodolfo Suma
    Rettore                                                                                                     Presidente